COMUNICAZIONE PUBBLICA
Enti pubblici, Ministeri, Regioni; Province, Comuni.

La pubblicità istituzionale si distingue da quella tradizionale perché include qualsiasi forma di comunicazione avente come scopo non la vendita o fornitura di beni o servizi, come la promozione della conoscenza e/o dell’immagine dell’ente, di un cambiamento, di un risultato raggiunto o del ruolo svolto dall’organizzazione. La pubblicità istituzionale può essere svolta con tutti gli strumenti propri di quella tradizionale ed è sottoposta alle medesime regole di carattere generale.

La pubblicità istituzionale non trae origine da disposizioni legislative bensì dalla prassi e dalla giurisprudenza. In particolare, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha contribuito con diverse pronunce ad individuarne contenuto e limiti, precisando che, ove il messaggio non presenti caratteri commerciali e non abbia come obiettivo diretto la vendita di beni o la fornitura di servizi, la pubblicità non va qualificata come commerciale ma, appunto, come “istituzionale” e, pur tuttavia, essa costituisce una pubblicità.

Next

COMUNICAZIONE PRIVATA
Piccole emedie imprese, utente finale.

La pubblicità classica, intesa come promozione di prodotti commerciali; le strategie e le soluzioni marketing vengono generalmente utilizzate per informare e promuovere prodotti e servizi, creando un collegamento profittevole tra azienda e cliente finale.

Next

ALLESTIMENTI, WEB DESIGN, VIDEO
Un'area vastissima di possibilità finemente collegate tra loro.

Che si tratti di comunicazione pubblica o d'impresa, per raccontarle bene c'è bisogno di attingere da tutti i canali, con una buona consapevolezza nell'utilizzo di media assai diversi tra loro ma sempre "legati" attraverso piani media e strategie precise.

Next